Fondo perduto Covid: spetta a tutte le imprese nei comuni in stato di emergenza

CIA Agricoltori Italiani di Savona ha approfondito con l’Agenzia delle Entrate la questione del fondo perduto legato alla crisi Covid. Poiché molti comuni della provincia erano già in stato di emergenza per calamità naturali dal 2018 ed altri dal 2019, tutte le imprese con sede nei territori comunali rientrano nella casistica aggiuntiva di cui al comma 4 dell’art.25 del D.L. Rilancio. Tutte le aziende, non solo gli agricoltori, per i quali CIA Savona aveva iniziato l’approfondimento sul tema.  

L’art.25 in questo caso non si calcola sulla perdita di fatturato di oltre il 33% tra aprile 2020 e aprile 2019: si riconosce il diritto al minimo del fondo perduto di € 1.000 e di € 2.000 per tutte le aziende con domicilio fiscale nei comuni già in stato di emergenza alla declaratoria Covid-19 (30.01.2020). il contributo a fondo perduto potrà essere erogato alle aziende ricadenti nei comuni  in stato di emergenza della provincia di Savona per effetto del DPCD n.7/2020 riferito ad eventi 2019.

“In questo difficile periodo che ha depresso quasi tutte le attività economiche del nostro territorio anche una piccola somma alle imprese è importante, soprattutto perché viene erogata in tempi rapidi. Abbiamo verificato come CIA che L’Agenzia delle Entrate eroga anche entro i 10 giorni dalla domanda presentata sul portale telematico”.

“Siamo impegnati a fare presto e restiamo a disposizione di tutti gli agricoltori, anche quelli esonerati e per imprese di altri settori” afferma il direttore CIA Savona Osvaldo Geddo.

“Avevamo predisposto le richieste per le aziende con il danno oltre il 33%: alla luce della risposta a specifico quesito da parte dell’Agenzia delle Entrate allargheremo le domande a tutte le imprese savonesi domiciliate in comuni già in precedenza in stato di emergenza per calamita atmosferiche”.

ELENCO COMUNI SAVONESI IN STATO DI EMERGENZA PER EVENTI OTTOBRE 2018 - DPCD n.7/2020

Alassio                          

Albenga                            

Albisola Marina                  

Albisola Superiore         

Altare        

Andora      

Arnasco                       

Balestrino                        

Bardineto                        

Bergeggi    

Boissano                       

Borghetto Santo Spirito          

Borgio Verezzi                    

Bormida                          

Cairo Montenotte                  

Calice Ligure                    

Calizzano                        

Carcare                          

Casanova Lerrone    

Castelbianco

Castelvecchio di Rocca Barbena               

Celle ligure    

Cengio                   

Ceriale                          

Cisano sul Neva            

Cosseria        

Dego             

Erli                  

Finale ligure                    

Garlenda                          

Giustenice                        

Giusvalla                        

Laigueglia                        

Loano                            

Magliolo                          

Mallare   

Massimino

Millesimo

Mioglia                         

Murialdo  

Nasino                         

Noli           

Onzo                    

Orco Feglino                      

Ortovero     

Osiglia

Pallare                      

Piana Crixia                      

Pietra Ligure 

Plodio

Pontinvrea                     

Quiliano                          

Rialto                            

Roccavignale       

Sassello                

Savona                            

Spotorno                          

Stella      

Stellanello                       

Toirano   

Tovo san Giacomo                         

Urbe         

Vado ligure                      

Varazze                          

Vendone                          

Vezzi Portio  

Villanova d'Albenga

Zuccarello            

Cia inoltrerà la domanda per le aziende che hanno avuto una perdita di fatturato oltre il 33% sulla base del calcolo previsto a secondo dell’importo del fatturato. Utilizzando i dati in possesso di Cia.  Dopo la risposta dell’Agenzia delle Entrate tutte le aziende domiciliate nei comuni dell’ elenco allegato sopra, anche se non hanno avuto riduzione del fatturato del 33% e anche se sono esonerate dalla contabilità iva , sono invitate a telefonare o venire in Cia per presentare la domanda di € 1.000,00 o € 2.000,00  con:

1)carta d’identità del titolare  

2) numero partita iva 

3) iscrizione alla CCIAA 

4) IBAN con documento ( es.estratto conto ) della banca. 

Se siete aziende associate Cia è sufficiente l’attestato IBAN della Banca corretto. 

Ricordiamo che Cia può presentare domande anche per aziende non agricole.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Nullam porttitor augue a turpis porttitor maximus. Nulla luctus elementum felis, sit amet condimentum lectus rutrum eget.